Gi vs. No Gi

Discipline di lotta
Avatar utente
LLGrappling
Viola 1°
Viola 1°
Reactions: 0
Messaggi: 1029
Iscritto il: 14/04/2008, 14:41
Disciplina: Lotta Greco Romana, Libera, Grappling
Contatta:

13/05/2011, 18:30

Sia il Grappling che il bjj prevedono competizioni con e senza Gi, di conseguenza perchè non allenarsi in entrambi i modi, per poi dedicarsi in modo specifico ad una delle due varianti prima di una competizione?
0

Avatar utente
Shaolin
Bianca
Bianca
Reactions: 0
Messaggi: 24
Iscritto il: 17/01/2012, 1:05
Disciplina: Wing Chun, MMA (primi pugni)

18/01/2012, 3:48

Questo scambio di opinioni l'ho avuto anch'io con un mio amico fautore del GI per preparare incontri di MMA o comunque grappling noGI e lui mi ha fatto lo stesso identico discorso di the dragon (sembravi lui) su quanto il GI sia più "difficile" da usare.
Ed in parte gli dò ragione, perchè comunque col GI è tutto più lento e stare li a tirare a morte serve a poco. Però io credo che il fatto che i due stili GI e no GI abbiano tecniche diverse possa essere troppo deleterio se ci si prende l'abitudine. Ed anche fare un pò dell'uno ed un pò dell'altro sia un lavoro magari completo ed interessante, ma poco specializzato.
Allora chiedo a voi più esperti, se ci si allenasse usando il GI con un partner che non lo usa? Così si lavorerebbe comunque su un corpo "nudo" ma con il GI che rendendoti più lento e goffo ti obblighi ad eseguire passaggi molto più tecnici e puliti e soprattutto ti faccia capire tutti quegli erroretti che uno malcompensa con forza o slancio.
Ovviamente si fa un discorso prettamente di allenamento tecnico, o se di sparring almeno con un partner "compagno" che eviti di afferrarti dal GI, altrimenti è inutile...
0

Avatar utente
zelard
Nera 1°
Nera 1°
Reactions: 0
Messaggi: 14805
Iscritto il: 29/10/2008, 1:58
Disciplina: Grappling

18/01/2012, 15:35

bè..puo essere una "simpatica" variante di allenamento, ma servirebbe a poco per entrambi...l'uso del gi non è solo perchè ti rende piu "goffo" ( opinabile anche questo, molti si sentono goffi senza il gi...) è una questione di sparring tattico con il gi...i miliardo di prese che puoi e che ti possono fare ti rende piu cauto nell'affrontare anche solo una guardia chiusa dell avversario,la differenza sta nella questione tecnico/tattica per fare un po di sperring con o senza il gi ( e come al solito l'uno non eslcude l'altro, anche se poi ci sono delle correnti di pensiero differenti per chi si allena di mma, chi solo di grappling e chi invece usa a prescindere il gi per tutte le competizioni )
0

Avatar utente
Shaolin
Bianca
Bianca
Reactions: 0
Messaggi: 24
Iscritto il: 17/01/2012, 1:05
Disciplina: Wing Chun, MMA (primi pugni)

18/01/2012, 15:48

Però non capisco come possa aiutare il dover stare attento a prese che in gara non avrai il rischio di subire, è come se un combattente di KL classe C si alleni ad evitare le gomitate o i back fists.
Alla fine spingerebbero ad esitare quell'attimo in più in situazioni che non lo richiederbbero, o sbaglio?
0

Avatar utente
Kiichi Miyazawa
Viola 1°
Viola 1°
Reactions: 0
Messaggi: 1084
Iscritto il: 19/04/2008, 21:16
Disciplina: Judo, Lotta libera e grecoromana
Località: Torino

18/01/2012, 16:43

Un buon metodo di allenamento deve sempre tenere conto di due principi educativi fondamentali: MULTILATERALITA' e POLIVALENZA. Detto in termini meno tecnici un problema motorio deve essere affrontato "attaccandolo" da diversi punti di vista e cercando di risolverlo in modi diversi, persino nella matematica che è la scienza più precisa molte volte le stesse soluzioni si ottengono con approci diversi, e spesso si ottiene più di una soluzione. Nel nostro caso specifico: pratichiamo no-gi? provare con il gi una tecnica, farci un allenamento, fornisce una visione alternativa dell'attività, ci mostra soluzioni diverse che l'atleta evoluto trova il modo di adattare ai suoi bisogni. Esempio scemo: avendo il gi impariamo un soffocamento per cui dobbiamo afferare la nostra manica; perchè non farlo anche nel no-gi afferrando il polso?
Il discorso vale anche al contrario: facciamo gi, e proviamo a praticare senza gi, potremmo renderci conto che certe tecniche possono essere fatte più velocemente eliminando certi passaggi di presa (altro esempio scemo).
La conclusione è che per allenarci bene nel no-gi, fare qualche seduta (una a settimana, una ogni due, ...) con il gi può solo farci bene, idem per il contrario: se facciamo gi delle sessioni no-gi sono di grande utilità. L'allenamento non è un discorso a compartimenti stagni.
0

Avatar utente
Shaolin
Bianca
Bianca
Reactions: 0
Messaggi: 24
Iscritto il: 17/01/2012, 1:05
Disciplina: Wing Chun, MMA (primi pugni)

18/01/2012, 19:05

Kiichi Miyazawa ha scritto:Un buon metodo di allenamento deve sempre tenere conto di due principi educativi fondamentali: MULTILATERALITA' e POLIVALENZA. Detto in termini meno tecnici un problema motorio deve essere affrontato "attaccandolo" da diversi punti di vista e cercando di risolverlo in modi diversi, persino nella matematica che è la scienza più precisa molte volte le stesse soluzioni si ottengono con approci diversi, e spesso si ottiene più di una soluzione. Nel nostro caso specifico: pratichiamo no-gi? provare con il gi una tecnica, farci un allenamento, fornisce una visione alternativa dell'attività, ci mostra soluzioni diverse che l'atleta evoluto trova il modo di adattare ai suoi bisogni. Esempio scemo: avendo il gi impariamo un soffocamento per cui dobbiamo afferare la nostra manica; perchè non farlo anche nel no-gi afferrando il polso?
Il discorso vale anche al contrario: facciamo gi, e proviamo a praticare senza gi, potremmo renderci conto che certe tecniche possono essere fatte più velocemente eliminando certi passaggi di presa (altro esempio scemo).
La conclusione è che per allenarci bene nel no-gi, fare qualche seduta (una a settimana, una ogni due, ...) con il gi può solo farci bene, idem per il contrario: se facciamo gi delle sessioni no-gi sono di grande utilità. L'allenamento non è un discorso a compartimenti stagni.
Su questa cosa degli allenamenti saltuari differenziati mi trovi esttamente d'accordo, anzi secondo me sarebbe costruttivo anche per lo striking avere scambi "interculturali" con altre discipline, ad esempio io pur venendo dal Wing Chun ho giovato tantissimo di saltuari seminari di BJJ (con il grandissimo Ricardo Rey Diogo, OT: simpaticissimo anche fuori dal tappeto e molto esperto di nutrizione) di JKD, Close Combat (che consiglio a tutti) ed ho intenzione di farne altri di lotta libera, thai etc....
Si riescono a vedere le cose da un altro punto di vista e questo è fantastico, però ecco, secondo me va bene una volta ogni tanto.
0

Avatar utente
Gramax
Marrone
Marrone
Reactions: 0
Messaggi: 2263
Iscritto il: 28/09/2010, 11:15
Disciplina: BJJ
Località: Recanati (MC)

18/01/2012, 19:33

Certi tipi di gi possono tornare anche utili in allenamento in ottica no gi perchè sono un peso aggiunto al tuo corpo e sono "utili" anche per migliorare il cardio!
Considerate che i gi hanno pesi diversi e non sono tutti uguali! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
0

andrez
Blu 1°
Blu 1°
Reactions: 0
Messaggi: 382
Iscritto il: 28/03/2009, 18:21
Disciplina: Pugilato bjj

19/01/2012, 0:12

Secondo il mio modestissimo parere la lotta con il kimono non è una lotta in cui si usa meno forza anche perchè se una presa è debole tu la strappi . Forse nel no gi si usa più esplosività ma non più forza
0

Avatar utente
LLGrappling
Viola 1°
Viola 1°
Reactions: 0
Messaggi: 1029
Iscritto il: 14/04/2008, 14:41
Disciplina: Lotta Greco Romana, Libera, Grappling
Contatta:

28/01/2012, 11:35

A me sembra molto sensata questa dichiarazione :

Prima di parlare della Figr, dicci GI o NO-GI? Oppure entrambi? Nella tua palestra (Saverio insegna anche al Grappling Clan Roma – http://grapplingclan.altervista.org" onclick="window.open(this.href);return false;) si pratica con o senza GI?

Nella mia palestra io insegno solo lo stile No-Gi. Premesso che secondo me è divertente lottare sia senza che con il kimono, a me piace di più la versione No-Gi probabilmente per una questione di abitudine avendo praticato in gioventù per molti anni lotta libera ma, ripeto, è questione di gusti e di abitudine.

Quanto alla vecchia diatriba GI o NO-GI trovo veramente prive di senso le polemiche sulla questione. È come se chiedessero è meglio il judo (in cui si lotta con il kimono) o la lotta (in cui si lotta senza kimono); è una domanda stupida, è ovvio che si tratta di gusti personali, chi preferisce lottare in piedi con il kimono farà judo e chi preferisce lottare in piedi senza kimono praticherà lotta.

gi-submission-grappling-clan-roma

Un’altra cosa però è affermare, come fanno alcuni, che per apprendere la lotta senza kimono è necessario prima imparare bene la lotta con il kimono. Io personalmente non ho mai creduto a questa teoria, è come se un lottatore di lotta libera per migliorare tecnicamente si allenasse con il kimono, la trovo una assurdità. E’ comprensibile che un Maestro che insegna solo lo stile con il kimono abbia un attaccamento alla disciplina che pratica da anni, per non parlare poi del fatto che per un venditore la merce che vende è sempre la migliore, ma questa è una affermazione che non ha logica. I seguaci di questa teoria affermano che la dimostrazione si avrebbe nelle competizioni di Grappling senza kimono, sia in Italia che all’estero, dove oggi c’è una prevalenza di lottatori che si allenano con il GI, ma questo è dovuto solo al fatto che le palestre dove si pratica Grappling con il kimono sono di gran lunga più numerose rispetto a quelle dove si pratica Grappling senza kimono e di conseguenza ci sono moltissimi più praticanti e agonisti che si allenano con il kimono rispetto a quelli che si allenano senza kimono. In futuro con la crescita del Grappling ci sarà sempre più una differenziazione tra i due stili (con e senza kimono) e quindi avremo atleti agonisti specializzati in uno o nell’altro stile.

Il grande Rickson Gracie disse una volta un’ovvietà e cioè che nella lotta in piedi, i più forti combattenti con il kimono sono gli atleti di judo perché si allenano con il kimono, e i più forti combattenti senza kimono sono gli atleti di lotta libera perché si allenano senza kimono. Analogo discorso può essere fatto per la lotta a terra: per competere nel No-Gi bisogna allenarsi senza kimono e per competere nei tornei con il GI bisogna allenarsi con il kimono come d’altronde è dimostrato dalle MMA dove gli atleti, anche se provengono da stili di lotta con il kimono, da quando iniziano la loro carriera in questo sport si allenano solo senza kimono.

Una conferma della mia opinione l’ho avuta anche nei miei viaggi in Brasile dove ho riscontrato, nella lotta senza kimono, la migliore abilità dei lottatori di jiu jitsu che si allenano anche senza kimono rispetto a quelli che si allenano solo con il kimono; questi ultimi spesso dopo aver lottato si giustificavano dicendo che, allenandosi solo con il Gi, non si trovavano a proprio agio nella lotta senza Gi.

Penso inoltre che in futuro si svilupperà di più la versione No-Gi per il legame con il mondo delle MMA e per la possibile introduzione alle Olimpiadi (il Grappling Gi difficilmente entrerà alle Olimpiadi vista la troppa somiglianza con il judo).

In conclusione il mio consiglio è: se vuoi fare competizioni senza kimono (Grappling, MMA, BJJ No-Gi) allenati senza kimono ma se vuoi fare competizioni con il kimono (Grappling GI, judo, BJJ) allenati con il kimono. In ogni stile di lotta che pratichi la differenza poi la faranno le tue capacità, la tua volontà e le capacità di insegnamento del tuo Maestro.

Quindi ragazzi: allenatevi con o senza GI in base ai vostri gusti, l’importante è che vi allenate!
http://www.grappling-italia.com/approfo ... go-figr-it" onclick="window.open(this.href);return false;
0

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite